Uno degli elementi più importanti di un computer, sia fisso che portatile, è la sua scheda video, più comunemente conosciuta come scheda grafica: è questo, infatti, l’elemento che è responsabile dell’accelerazione grafica 3D che, grazie ai driver, permettere di trasformare i segnali elettrici mandati dal processore in segnali video che poi noi visualizziamo sul monitor. Con l’avanzare della tecnologica le schede grafiche sono diventate sempre più autonome e sempre più in grado di alleggerire il processore in termini di gestione grafica. Le schede grafiche, per poter funzionare, si collegano alla scheda madre del computer tramite dei connettori specifici di due tipologie, gli slot AGP e gli slot PCI Express, che sono diventati ormai la maggioranza e che andremo ad analizzare in questa guida.

Cosa sono le schede grafiche 

Prima di entrare nel dettaglio del PCI Express, andiamo a capire più a fondo cosa sono le schede video: chiamata anche scheda grafica, è un classico componente hardware di ogni computer, e ha il compito di generare e inviare i segnali video al monitor. Più la scheda grafica sarà avanzata, più sarà possibile avere una massima definizione di trasmissione immagini sullo schermo. In questo senso esistono diverse tipologie di schede grafiche, ognuna adatta a un particolare uso: 

schede esterne, che di solito si aggiungono ai pc portatili per potenziarne la grafica;

schede integrate, ovvero quelle che sono inserite direttamente dentro la macchina;

schede dedicate, che sono le più performanti. 

Tutto dipende dal cuore della scheda grafica, ovvero il GPU: sarebbe il processore grafico che è all’interno di ogni scheda, che insieme alla quantità di memoria video va a definire la potenza del componente. 

Perché scegliere PCI Express

Quando si ha necessità di avere prestazioni particolarmente elevate dalle schede grafiche è necessario fornirsi di uno standard di comunicazione che sia in grado di connettere la scheda madre con tutti i componenti aggiuntivi: da circa dieci anni quest’interfaccia è PCI Express, un tipo di porta dalle altissime prestazioni che serve proprio per collegare le schede video, anche le più potenti. La Peripheral Component Interconnect Express – questo il suo nome esteso – è quindi un’interfaccia basata su un trasferimento di dati seriale, che tramite una serie di canali semplifica la trasmissione alle schede madri, consentendo una notevole modularità, perché con essa è possibile supportare delle configurazioni particolari come l’utilizzo di due schede video vicine. PCI Express, abbreviato spesso in PCIe, prevede la possibilità di utilizzare da 1 a 32 link di comunicazione – in linguaggio tecnico chiamati lane – e quindi per questo esistono sul mercato slot di diverse lunghezze: i più corti sono da 1 lan (x1) e sono quelli adatti a un consumo di banda sufficiente,  poi ne esistono da 4(x4), 8 (x8) e 16 (x16), che sono invece indicate per le alte prestazioni. Sono sempre di più i creatori che utilizzano gli interfaccia PCI Express, grazie al notevole miglioramenti di performance, affidabilità e funzionalità, ma anche a una riduzione dei consumi energetici che permette questo sistema. 

Consigli per scegliere la scheda grafica

Alla luce di tutto questo, diventa chiaro che, per poter acquistare una scheda grafica adatta al nostro pc, sono tantissimi i parametri che vanno tenuti in considerazione: primo fra tutti il tipo di attacco che, come abbiamo visto può variare. Oggi, sul mercato, quasi tutte le schede video di ultima generazione hanno il PCI Express 3.0 (ma si trovano ancora moltissimo 2.0), ma è sempre bene controllare prima di acquistare un prodotto che magari poi si rileva non adatto alle nostre esigenze. Oltre alla compatibilità con la scheda madre, e alla dimensione delle schede grafiche, sono molte altre le caratteristiche tecniche da prendere in considerazione:

  • la potenza dell’alimentatore all’interno del computer è fondamentale, perché se è inferiore al livello richiesto dalla scheda, appena si collega al pc si avranno problemi come il blocco della macchina o il suo spegnimento non appena si iniziano attività particolarmente impegnative. Di solito questa informazione è riportata sulla confezione o direttamente sul sito del produttore della scheda;
  • il supporto agli ultimi standard video;
  • Il tipo e il numero di uscite video presenti (VGA, DVI, S-Video, ecc.);
  • la quantità di memoria video, che sulle schede più recenti può anche superiore i 16 GB. Attenzione però: avere più memoria video non implica che la scheda sia migliore di altre;
  • velocità della memoria, che viene espressa in MHz, in GHz, oppure in Gbps – cioè in gigabit per secondo –, e che solitamente può essere GDDR3, GDDR5, GDDR5X, GDDR6, o ancora meglio, HBM, HBM 2, o HBM 3.

A questo punto, valutati tutti quanti i fattori, è il momento di procedere all’acquisto: le schede grafiche si dividono, sul mercato, tra quelle di fascia molto bassa, fascia bassa, di fascia media e di fascia alta e fascia altissima, in base alle prestazioni che propongono. Ovviamente, le schede appartenenti alla fascia più bassa sono quelle più standard e avranno dei prezzi più contenuti, le schede che invece sono di fascia alta o altissima sono adatta ai professionisti del settore che necessitano di prestazioni elevate, e quindi anche il loro costo sarà decisamente maggiore. 

Scheda grafica fascia molto bassa: MSI GEFORCE GT 710 2GD3H LP

Chi cerca una scheda grafica abbastanza economica, ma che permetta di vedere dei film in Full HD o dei video in streaming in massima definizione e senza alcun problema, troverà in questa proposta della MSI la sua scelta ideale. I vantaggi di questa specifica scheda sono di non occupare molto spazio, di offrire dei consumi molto ridotti, e di essere molto silenziosa grazie all’utilizzo di un dissipatore. Eccellente per un uso basico del computer, la MSI GeForce GT 710 2GD3H LP non è però adatta a supportare videogiochi dalla grafica più impegnativa, però consente di giocare a titoli più leggeri. Per quanto riguarda uscite video sono presenti una DVI, una HDMI e una D-sub.

Caratteristiche tecniche:

– memoria: 2 GB DDR3 con bus a 64 bit

– design: single slot

– potenza minima alimentatore: 300 watt

– interfaccia: PCI Express 2.0

Scheda grafica fascia bassa: ASUS PH-GT1030-O2G

Chi ha un budget limitato, ma ha comunque bisogno di una scheda grafica di prestazioni discrete, può prendere in considerazione questa proposta creata da ASUS: grazie al processore inserito NVIDIA GeForce GT 1030, l’ASUS PH-GT1030-O2G offre prestazioni molto elevate per quanto riguarda la lavorazione di foto e video editing, adatta a supportare la lavorazione con programmi come Photoshop, ma anche per giocare con risoluzione Full HD avendo una resa dei dettagli medio-bassa. Per quanto riguarda le uscite video, questa scheda dispone di una DVI e di una HDMI.

Caratteristiche tecniche:

– memoria: 2 GB GDDR5 con bus a 64 bit

– design: single slot

– potenza minima alimentatore: 300 watt

– interfaccia: PCI-Express x16

Scheda grafica fascia media: SAPPHIRE Nitro+ Radeon RX 570 8 GB

Con la SAPPHIRE Nitro+ Radeon RX 570 8 GB iniziamo ad entrare nella sfera di prestazioni medio – alte: questa soluzione, infatti, è perfetta per chi cerca una scheda grafica in grado di offrire ottime prestazioni Full HD sia in ambito lavorativo, sia in ambito dei videogiochi, e offre tutto questo ad un ottimo rapporto qualità – prezzo. Questa scheda grafica dispone della funzionalità Intelligent Fan Control III, che le premette di utilizzare ben due ventole semi-passive che entrano in funzione solamente quando strettamente necessario, e quindi risultando molto silenziose. Rispetto alle schede grafiche di fascia bassa, vanno ad aumentare anche le uscite video: grazie alla presenza di una DVI, due HDMI e due DisplayPort, questa scheda è in grado di gestire fino a 5 monitor contemporaneamente. 

Caratteristiche tecniche

– memoria: 8 GB GDDR5 con bus a 256 bit

– design: dual slot

– connettori di alimentazione: uno da 6 pin e uno da 8 pin

– potenza minima alimentatore: 500 watt

– interfaccia: PCI-E

Scheda grafica fascia alta: AMD RADEON PRO WX 7100

Con questa scheda grafica siamo nel livello dell’alto professionismo: basata sull’architettura AMD Polaris, le prestazioni della Radeon Pro la rendono la più potente scheda video a single slot del mondo. Grazie alla sua struttura avanzatissima, la scheda riesce a gestire con estrema facilità dati di grandissima dimensione, e inoltre dona una grande velocità e una resa massima ai carichi di lavoro molto complessi. Come se non bastasse, grazie alle sue quattro porte DisplayPort in versione 1.4 riesce a supportare i display fino all’8K (a 30 Hz), e ha una resa e profondità di colore a 10 bit che rende la prestazione assolutamente stupefacente. 

Caratteristiche tecniche:

– memoria: 8 GB GDDR5 con bus a 256 bit

– design: single slot

– connettori di alimentazione: uno da 6 pin

– potenza minima alimentatore: intorno ai 130 watt

– interfaccia: PCI-Express x16